Home |  Chi siamo |  ItalPlanetNews |  Pubblicitą |  Speciali |  Edizioni  | 
Cerca Vai
 Testate
ItalPlanet News
Dal Quirinale
Dalla Farnesina
In Europa
L'altra Italia
Regioni e Emigrazioni
Italianitą
Arte della Tavola
Bel Paese
Expo Milano 2015
ENIT
Expovenice
Symbola
Mercato Globale
> Assocamerestero
> Pla.Net
> ICE
News Italia-Brasile
> CCI Rio Grande do Sul
> CCI Minas Gerais
> CCI Rio de Janeiro
> CCI Santa Catarina
Enel
Eni
SACE
Newsletter Iscriviti
Pubblicitą_ItalPlanet_News
čItalia
Speciali di čItalia
Redazioni
ABBONATI a čItalia
 Le altre aree
Scarica il ns Banner
Abbonati a čItalia


Abbonati:
1 Anno di èItalia 
(10 numeri)
al prezzo di 50,00 euro



čItalia
Home > ItalPlanet News > L'altra Italia
Cucinando ritrovo la mia infanzia in Istria
8 luglio 2015
Star della cucina regionale italiana negli Stati Uniti, in un incontro al Padiglione USA di Expo Milano 2015, Lidia Bastianich ha parlato del suo rapporto con il cibo d’Italia e d’America
“Ho cominciato a cucinare quando ho capito che non avrei più rivisto la mia casa in Istria”. Lidia Bastianich racconta la sua vita e carriera con parole semplici e intense. Simbolo della cucina regionale italiana negli USA, chef e star della televisione americana, martedì 7 luglio è stata ospite del Padiglione USA di Expo Milano 2015 per parlare del suo rapporto con le culture gastronomiche d’Italia e d’America.

Rispondendo alle domande di Dorothy Cann Hamilton, Presidente degli Amici del Padiglione USA, la Bastianich ha regalato al pubblico la storia del sogno americano di una doppia emigrante, prima dalla ex Yugoslavia all’Italia, e poi negli Stati Uniti. In qualità di Ambassador di WE-Women for Expo, ha anche dato il suo contributo su come una donna possa conciliare famiglia e lavoro.

Nata a Pola quando la città era italiana, Lidia Bastianich trascorre buona parte dell’infanzia dalla nonna, in campagna. Hanno l’orto con le galline, i maiali e una capretta. Lidia è una bambina e assorbe tutto: ricette, ingredienti e ricordi. “Il mio gusto si creò in quegli anni - racconta - da allora cercai sempre di ritrovare quei sapori puri, come quelli della ricotta e dell’olio d’oliva”.

Poi i cambiamenti della Storia la portano via, prima in Italia come profuga e poi in America come emigrante. Parte coi genitori, scappando. E una volta lontano dalla casa dell’infanzia capisce che se vorrà rivivere quei momenti dovrà ricrearne i sapori. E così decide di imparare a cucinare, iniziando in famiglia un percorso che la porterà al successo.

Quando la famiglia Bastianich si stabilisce a New York alla fine degli anni Cinquanta, Lidia è ancora ragazzina: “Era divertente il cibo americano! Gli Stati Uniti erano pieni di energia e voglia di fare”, ricorda. “A casa però si mangiava italiano. In realtà all’epoca la vera cucina italiana era sconosciuta in America, c’era una cucina italo-americana che aveva più a che fare con gli Stati Uniti che con l’Italia, come gli spaghetti con le polpette, che comunque mi piacevano molto”.

La vita di Lidia Bastianich è fatta di lavoro e famiglia, tenute insieme dalla passione. Ristoratrice e chef, autrice di libri di cucina, conduttrice televisiva famosa in tutta America, ma anche madre di due figli e nonna di cinque nipoti. E in più una laurea in biologia. Simbolo del sogno americano, lei sostiene di essere stata fortunata e di aver semplicemente fatto ciò che le piaceva, seguendo i consigli del suo pediatra che le spiegò che “i figli vogliono vivere in una famiglia in cui i genitori siano felici”.

Parlando del suo rapporto con le culture americana e italiana dice: “Dell’Italia apprezzo la creatività e il gusto per i piaceri della vita, dall’America ho imparato la cultura del marketing e della condivisione”. A seguirla nella sua passione per la cucina, il figlio Joe Bastianich, anche lui chef, grande comunicatore e Ambassador di Expo Milano 2015.

Lidia Bastianich è anche Ambassador di WE-Women for Expo e, alla domanda se da donna sia stato difficile raggiungere i suoi risultati risponde: “È un po’ complicato quando hai dei figli, ma io consiglio di porsi soprattutto come professionista, senza temere il confronto con gli uomini”. (ItalPlanet News)
Stampa questo articolo  Invia questo articolo 
Commenta l'articolo
Inserisci un commento
Nella sezione
8 luglio 2015 - Cucinando ritrovo la mia infanzia in Istria
23 giugno 2015 - La NIAF a Milano per adottare la guglia di Madre Cabrini
19 giugno 2015 - Dalla John R. Mott Scholarship Foundation, 126 borse di studio
17 giugno 2015 - Č nata l'Associazione dei Ricercatori Italiani in Spagna
5 giugno 2015 - Scoprire un'altra Italia ad Abu Dhabi
29 maggio 2015 - Italiani in Belgio: chi sono, cosa fanno, di cosa hanno bisogno
25 maggio 2015 - 'L'Italia che non ti aspetti' svelata ai Russi
25 maggio 2015 - Al via il Programma “Fulbright – Fondazione Falcone – NIAF”
segue...
  • ItalPlanet.it  - il Portale dell'ITALIA nel Mondo
    INTL. MEDIA S.r.l. - Galleria del Corso, 2 - 20122 MilanoTel  + 39.02.3657.1696

    italplanet@italplanet.it
    Cod.Fisc., P.IVA ed Iscrizione Registro Imprese c/o CCIAA Milano 05919500966 - Cap. Soc. Euro 15.000,00 i.v.